Setup impianto frenante originale "rivisto"

Rispondi
Meloni
Utente
Utente
Messaggi: 145
Iscritto il: 02.06.2009, 0:28
Nome: Daniele
Provincia: VITERBO

Setup impianto frenante originale "rivisto"

Messaggio da Meloni »

Ciao a tutti, vorrei condividere con voi la mia esperienza riguardo alcune migliorie da apportare all'impianto frenante delle nostre amate 500.

Premetto che tutte le varie configurazioni vanno fatte parte do dal presupposto che non ci si potrà mai aspettare una frenata stile 911 GT3 anche a causa delle evienti carenze di "telaio" del cinquino.

Ad ogni modo, grazie alla pazienza e soprattutto ai suggerimenti di alcuni amici del forum, posso dire che attualmente posso ritenermi molto soddisfatto della frenata della mia 500.

LA situazione di partenza è qella di una L restaurata copletamente circa due anni fa. Da questa estate ha ricevuto un bel 740 stradale (nella sezione "motori" troverete la descrizione..) quindi anche l'impianto frenante è stato giustamente sottoposto a qualche attenzione.

La situazione di partenza era quella di avere una componentistica originale ma nuova, con ceppi e tamuri marca Brembo. Con questo setup la frenata risultava semre buona, ma in vista dell'aumento di prestazioni volevo qualcosa in piu....

Il primo passo è stato adottare ceppi in tessuto prodotti da una nota azienda del nord.... devo dire che la potenza frenante è migliorata notevolmente, come anche la modulabilità.

Successivamente mi sono accorto che i cilindretti anteriori erano di misura uguale a quelli posteriori (18m su entrambi gli assi); ho quindi messo cilindretti da 22.8mm all'anteriore in modo da avere un maggiore torchioidraulico (quindi potenza) sullasse anteriore (infatti il problema principale era una marcata tendenza al bloccaggio sal retrotreno..).

Da qui sono iniziati alcuni "problemi", in quanto la corsa del pedale era aumentata notevolmente (credevo a causa della maggiore superficie dei cilindretti anteriori..).

Ho fatto quindi varie prove con puntali di lunghezza differente (maggiore) che andavano però a variare in modo erratico la corsa del pedale (facendo lavorare male la pompa...).

Anche la pompa è stata sostituita con una "miniservo", senza però risolvere il problema della corsa eccessiva. Dopo ulteriori esperimenti con puntali di diverse lunghezze (senza però risilvere il problema..) Si è provveduto a cambiare i tubi freno con altri di tipo aeronautico. Anche questa variazione ha migliorato in modo marginale la frenata senza però dare grandi vantaggi (i tubi in gomma erano comunque nuovi.... circa 2 anni).

La regolazione del freno a mano è sempre stata fatta in modo da avere 2-3 tacche di escursione, quindi il "posteriore" possiamo dire che era tarato nel modo giusto (nessuna frenata residua..).

A questo punto, in una delle varie prove mi sono accorto che le ruote anteriori risultavano frenate in modo quasi impercettibile, ma che con una piccola pressione del pedale si liberavano, per poi frenarsi correttamente in seguito ad una ulteriore pressione. Ho quindi deciso di verificare il corretto funzionamento degli autoregistri sull'asse anteriore.

SORPRESA! le molle di richiamo dei ceppi anteriori facevano rientrare i ceppi in modo eccessivo, aumentando sia la cora a vuoto del pedale (perchè per tornare nuovamente in corntatto con la fascia frenante dovevano compiere un "tragitto maggiore" sia perchè rientrando troppo, la parte interna del ceppo andava ad interferire in modo quasu inpercettibile con la tornitura all'interno del tamburo stesso.

E bastato "stirare" leggermete le molle a "aprire" i ceppi per risolver eil problema. Ovviamente all'inizio la ruota rimaneva frenata, ma sono bastate due frenate per centrare tutti i componenti nel mdo corretto ed avere un pedale assolutamente granitico e affidabile (con il puntale originale che garantisce il corretto gioco con il pompante..).

Spero che questa mia avventura possa evitare anche ad altri amici innumerevoli spurghi, smonta e rimonta e soprattutto frustrazioni acausa dela corsa del pedale freno nonconforme.

PS. ora la 500 frena veramente forte, anche se continua ad avere una tendenza troppo sbilanciata verso il posteriore..

A questo punto come vedreste l'adozione di cilindretti ancora piu grandi all'anteriore? (un caro amico mi ha gia dato la sua risposta ;) )

PS. i cilindretti anteriori 126 (che avevo preso per questo eserimento) sono risultati troppo "ingombranti" in quanto avevano infatti una distanza tra le pune di circa 8mm in piu rspetto a quelli 500, risultando di fatto inutilizzabili (a meno di accorciare manualmente le aree dei ceppi o fresare i pistoni stessi dei cilindretti..)
Avatar utente
Andrea500
Utente
Utente
Messaggi: 225
Iscritto il: 06.05.2007, 15:54
Nome: Andrea
Provincia: TORINO

Re: Setup impianto frenante originale "rivisto"

Messaggio da Andrea500 »

Grazie per la tua condivisione!
Di fatto ho l'impianto come il tuo, con l'unica differenza sulle ganasce anteriori, con materiale d'attrito più morbido delle originali, ma non in tessuto.
Prove su prove mi hanno fatto pensare quasi di tornare alla pompa originale, da quando ho montato il miniservo la frenata è peggiorata, anche io dai tubi in treccia ho ricavato un miglioramento quasi impercettibile.
I tamburi Brembo si sono ovalizzati leggermente dopo una discesa dalla montagna, effettuata in modo neppure troppo "sportivo". Ma credo che non ci sia molto di meglio sul mercato.
Magari potrei provare a montare i le ganasce con il materiale d'attrito in tessuto. Sapresti dirmi se l'usura è molto maggiore delle originali?
Avatar utente
Nick85
Utente
Utente
Messaggi: 466
Iscritto il: 16.02.2012, 17:21
Nome: Nicola
Provincia: MILANO

Re: Setup impianto frenante originale "rivisto"

Messaggio da Nick85 »

Ciao, vi riporto la mia esperienza/deduzioni: la miniservo ha più pressione ma meno portata e funziona bene se è tutto in ordine.
Occhio che con la miniservo è facile surriscaldare sulle discese, frena molto ed i tamburi non raffreddano.
Anche l'esempio di Meloni è lampante, mettendo la miniservo con minore portata su cilindretti freno più grandi (che aumentano la richiesta di olio) si va in deficit di olio se la ganascia non è accostata correttamente al tamburo.
Purtroppo il puntalino del pedale non influisce sulla portata, ma nel caso in cui fosse corto potrebbe solo ridurla in quanto non si sfrutta tutta la lunghezza della corsa della pompa. Il puntalino deve avere la lunghezza corretta e basta.
Meloni
Utente
Utente
Messaggi: 145
Iscritto il: 02.06.2009, 0:28
Nome: Daniele
Provincia: VITERBO

Re: Setup impianto frenante originale "rivisto"

Messaggio da Meloni »

Ciao a tutti, ho alcuni aggiornamenti riguardo il setup....

Vi confermo che ilcorretto funzionamento degli autoregistri dei ceppi è fondamentale per il corretto funzionamento dell'impiantofrenante; e soprattutto con la Miniservo tutto deve essere a norma, altrimenti si perde troppa corsa per cercare di recuperare il mancato funzionamento degli autoregistri. basta che i tamburi si discostino piu del dovuto e vi ritroverete con una corsa molto lunga del pedale.

Il puntale "allungato" è solo un palliativo, anche in questo caso vi garantisco che in caso di impianto in buono stato, il puntale originale (che garantisce 1-3mm di gioco..) è perfetto, perchè permette alla pompa di lavorare correttamente. Allungare il puntale potrebbe comportare che la pompa non torna a "zero" compromettendo il corretto funzionamento degli orifizi di carico-scarico. (prove su prove già effettuate...).

Al netto di tutto il resto, posso affermare che il miglior setup dei cilindretti sia quello della R, con 23.8 all'anteriore e 15mm al posteriore, (montati pochi giorni fa..) in questo modo si elimina il fastidioso problema del bloccaggio precoce delle ruote posteriori.Tengo a precisare che con i ceppi in materiale standard la differenza non è evidente, ma con il mordente di quelli in tessuto (frenano veramente tanto..) il problema potrebbe essere piu fastidioso..

Purtroppo ho riscontrato il danneggiamento delle tenute degli autoregistri sui ceppi in tessuto, e sono stato costretto a rimettere momentaneamente le ganasce Brembo che avevo prima.
Corsa del pedale perfetta, ma potenza frenante decisamente minore rispetto ai ceppi in tessuto (direi almeno un 30% in meno).

Ad credo ancora che il miglior upgrade siano i ceppi in tessuto, e che non facciano minimamente rimpiangere molti kit adisco.

Con un pizzico di fortuna dovrei esserre riusito a procurarmi alcuni autoregistri smontabili (sullo stile di quelli dei vecchi ceppi originali..) appena mi forniranno piu info le condividerò con voi.

A presto
Daniele
Avatar utente
Andrea500
Utente
Utente
Messaggi: 225
Iscritto il: 06.05.2007, 15:54
Nome: Andrea
Provincia: TORINO

Re: Setup impianto frenante originale "rivisto"

Messaggio da Andrea500 »

Il puntalino l'ho portato ad avere a riposo poco meno di 1mm di gioco, ma è servito solo a spostare la frenata qualche grado prima sul pedale.
Le ganasce sono perfettamente registrate, altrimenti il pedale con il miniservo andrebbe completamente a fondo corsa, ma lo trovo sempre spugnoso, nonostante i vari spurghi e sostutuzione del miniservo stesso. Dopo aver sostituito i tubi in metallo ho anche fatto attenzione a non creare troppe gobbe dove potrebbero ristagnare bolle d'aria. Fatto sta che non mi piace affatto per come frena ora. A voi è mai capitata un comportamento del genere?
Il materiale d'attrito in tessuto si consuma molto più in fretta di quello originale?
Rispondi

Torna a “TRASMISSIONE ED IMPIANTO FRENANTE”