Pagina 5 di 7

Re: digiplex l evoluzione della nanoplex

Inviato: 20.09.2015, 22:10
da Atomo27
Ghepcar ha scritto:
Atomo27 ha scritto: Ho scritto una minchiata?? :wowo!!: Rido
No, ne hai scritte due... :lol: :lol:
La prima è che non vedo la necessità di usare un relè quando il contatto del manocontatto sopporta alla grande la corrente per una lampadina di 5W ( un conto è stato il discorso dei fari sotto relè...).
La seconda è che il manocontatto è comandato dalla depressione nel condotto che non è data solo dal numero dei giri del motore ma anche dall'apertura dell farfalla.

Saluti, Pierino. :s
Ma dove stanno le 2 minchiate??

Re: digiplex l evoluzione della nanoplex

Inviato: 20.09.2015, 22:19
da Ghepcar
Atomo27 ha scritto: Ma dove stanno le 2 minchiate??
:aa: Non lo so, io mastico poco di elettronica... :lol: Rido
https://www.google.it/url?sa=t&rct=j&q= ... ZDAuAt3eqQ
Per sapere come verificare/modificare la taratura del punto di commutazione usando l'acqua; il mercurio è diventato di difficile reperimento in quanto altamente pericoloso.

Saluti, Pierino

Re: digiplex l evoluzione della nanoplex

Inviato: 20.09.2015, 22:37
da Ape20ff
Salve a tutti.
Non sono pratico di relè, ammetto di non aver capito in che cosa consista la modifica ma a scanso di equivoci meglio precisare che al pin che seleziona la curva non va data corrente,il pressostato come lo chiami tu mette solo quel pin a massa.
Daniele Opc,
non ti preoccupare.
Tutto sempre senza obbligo e senza impegno.
Sono stato fortunato perchè il materiale me lo passarono e dovetti solo scaricarlo quindi non ho mai pensato a tutto il lavoro che c'è dietro.
Quell'altro manuale ha troppe pagine,di certo non puoi postarlo.
Di solito ho visto molte meno pagine ma questo sistema mi è proprio nuovo.
Il nome mi faceva pensare agli scooter 2T ad iniezione diretta ma forse faccio confusione.
Un saluto.

Re: digiplex l evoluzione della nanoplex

Inviato: 20.09.2015, 22:42
da Atomo27
Drago ha scritto:Di quei manocontatti ne ho un paoi, la vite a croce serve si per la regolazione della menbrana che cambia le due mappe d anticipo ma il problema è che non si può vedere quando cambiano , e il meccanico che e centro marelli mi ha detto che non conviene smanettare la vite :sad:
Pierino, tutto e nato con il post di cui sopra, se vuoi sapere quando il contatto del pressostato si
chiude lo puoi accertare con il tester , ma devi avere i due contatti liberi da circuiti che interferiscano, ma se stacchi il connettore ti sfasa la mappatura/anticipo.
Qui entra in scena :clap: :clap: il rele' , il manocontatto quando va in conduzione alimenta il rele' che chiude il contatto massa/pin3 della nanoplex , un altro contatto del rele' ti serve per
far accendere una lampadina cosi puoi vedere quando avviene il cambio di mappatura.
ora lasciamo perdere il contagiri e marchiamo la posizione di apertura della farfalla quando avviene il cambio di mappatura.
Ora tu mi chiederai tutto questo a qual fine?? 8-)

Re: digiplex l evoluzione della nanoplex

Inviato: 20.09.2015, 22:49
da Atomo27
Ape20ff ha scritto:Salve a tutti.
Non sono pratico di relè, ammetto di non aver capito in che cosa consista la modifica ma a scanso di equivoci meglio precisare che al pin che seleziona la curva non va data corrente,il pressostato come lo chiami tu mette solo quel pin a massa.
Ape,non è una modifica serve o meglio è da sperimentare se è possibile tarare su campione manocontatti diversi dal sistema della 500 ED - 126p EL

Re: digiplex l evoluzione della nanoplex

Inviato: 20.09.2015, 23:00
da Drago
Il fine è sempre lo stesso , migliorare il migliorabile :? La prima mappa rimane attiva fino a un certo punto, ritardando o anticipando l entrata in funzione della seconda mappa si petrebbero avere dei vantaggi in termini di rendimento, certo è che sbattersi per così poco bhoooooo

Re: digiplex l evoluzione della nanoplex

Inviato: 20.09.2015, 23:07
da Atomo27
Drago ha scritto:Il fine è sempre lo stesso , migliorare il migliorabile :? La prima mappa rimane attiva fino a un certo punto, ritardando o anticipando l entrata in funzione della seconda mappa si petrebbero avere dei vantaggi in termini di rendimento, certo è che sbattersi per così poco bhoooooo
Si migliorare sicuramente , ma dopo aver superato il primo ostacolo reperire un manocontatto
diverso da quello del sistema nanoplex se non si trova quello della 500Ed/126pEL e poterlo tarare
con il relè e la lampadina. :?

Re: digiplex l evoluzione della nanoplex

Inviato: 21.09.2015, 12:13
da Ghepcar
Atomo27 ha scritto:... tutto e nato con il post di cui sopra, se vuoi sapere quando il contatto del pressostato si
chiude lo puoi accertare con il tester , ma devi avere i due contatti liberi da circuiti che interferiscano, ma se stacchi il connettore ti sfasa la mappatura/anticipo.
Qui entra in scena :clap: :clap: il rele' , il manocontatto quando va in conduzione alimenta il rele' che chiude il contatto massa/pin3 della nanoplex , un altro contatto del rele' ti serve per
far accendere una lampadina cosi puoi vedere quando avviene il cambio di mappatura.
ora lasciamo perdere il contagiri e marchiamo la posizione di apertura della farfalla quando avviene il cambio di mappatura.
Ora tu mi chiederai tutto questo a qual fine?? 8-)
Chiedo venia, non avevo capito che descrivevi come poter fare le cose sulla macchina a motore acceso. Io intendevo fare la taratura/verifica al banco.

Saluti, Pierino.

Re: digiplex l evoluzione della nanoplex

Inviato: 08.12.2015, 18:41
da Ape20ff
Salve a tutti.
Da buon accumulatore seriale ho pensato di allegare questo.
T.P.S..JPG
L'ho intravisto casualmente ieri,potrebbe appagare qualche curiosità sul suo interno.
Un saluto.

Re: digiplex l evoluzione della nanoplex

Inviato: 08.12.2015, 21:43
da Atomo27
Ape, ..............un po scarno si vedono solo dei disegni una leggenda, e poi ?
cosa è?
Dove si può montare?
Sul 24 ?
O dove?

Re: digiplex l evoluzione della nanoplex

Inviato: 09.12.2015, 1:04
da Ape20ff
Salve a tutti.
Non è niente di particolare,diciamo che è anche fuori tema ma visto che ormai lo avevo menzionato allora l'ho messo come approfondimento.
E' un TPS,non è strettamente pertinente alla Digiplex.
L'ho preso da un link di una discussione sulla carburazione.
Dovrebbe essere di un impianto Bosch Motronic,comunque non è diverso dagli altri.
Era interessante il disegno che rappresenta anche lo spaccato interno e la prova dei contatti,non so se già ci fosse qualcosa a tal proposito.
Per 24 intendi il carburatore o cosa?
Non l'ho postato per questo motivo.
Ammesso che si debba montare un sensore del genere non è detto che lo si debba per forza fare sull'alberino del carburatore,potrebbe stare in un altro punto del leveraggio o sul pedale dell'acceleratore.
Un saluto.

Re: digiplex l evoluzione della nanoplex

Inviato: 20.03.2017, 22:44
da Ape20ff
Salve a tutti.
Non so se può interessare ma ci sarebbe una lista con tutti i codici di queste centraline.
marelli 1.jpg
marelli 2.jpg
marelli 3.jpg
marelli 4.jpg

Un saluto.

Re: digiplex l evoluzione della nanoplex

Inviato: 21.03.2017, 9:06
da Dboniot
Ape20ff ha scritto:Salve a tutti.
Non è niente di particolare,diciamo che è anche fuori tema ma visto che ormai lo avevo menzionato allora l'ho messo come approfondimento.
E' un TPS,non è strettamente pertinente alla Digiplex.
L'ho preso da un link di una discussione sulla carburazione.
Dovrebbe essere di un impianto Bosch Motronic,comunque non è diverso dagli altri.
Era interessante il disegno che rappresenta anche lo spaccato interno e la prova dei contatti,non so se già ci fosse qualcosa a tal proposito.
Per 24 intendi il carburatore o cosa?
Non l'ho postato per questo motivo.
Ammesso che si debba montare un sensore del genere non è detto che lo si debba per forza fare sull'alberino del carburatore,potrebbe stare in un altro punto del leveraggio o sul pedale dell'acceleratore.
Un saluto.
So per certo che un sistema a due contatti come questo: acceleratore al minimo o al massimo è montato sulla Bosch LE2 Jetronic.
Appena l'ho visto ho pensato al classico potenziometro, invece sono solamente due contatti che danno alla centralina le due posizoni della farfalla.
Sempre della stessa iniezione elettronica è interessante il debimetro aria: si tratta di uno sportellino trattenuto da una molla e aperto dal flusso aria (in un bypass si trova la vite del CO al minimo), l'alberino dello sportellino (0-90°) comanda un potenziometro collegato alla centralina.:s

Re: digiplex l evoluzione della nanoplex

Inviato: 21.03.2017, 10:36
da Mantovasud
Per la curiosità di sapere che cos'è il debimetro

Re: digiplex l evoluzione della nanoplex

Inviato: 21.03.2017, 10:43
da Lelef
non ho capito se è un discorso relativo a "storia ed evoluzione dell'elettronica dell automobile"
o se qualcuno la vuole veramente applicare così un pò alla vai bene su altri motori perchè sotto mille aspetti è obsoleta ,poco prestante e lo sbattimento è squilibrato rispetto al (dubbio) risultato

opinione mia eh per carità!